MENU

Laserterapia

Il termine LASER è un acronimo della definizione "Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation" (Amplificazione della luce mediante emissione amplificata di radiazione), nella sua specificità, quindi, è un termine assolutamente generico che racchiude tutta una serie di mezzi fisici accomunati dall’emissione di una radiazione elettromagnetica con peculiari caratteristiche.

Passato dalle utilizzazioni industriali a quelle in campo medico negli ultimi decenni attraverso il lavoro sulle quattro caratteristiche principali della sua luce (direzionalità, monocromaticità, brillanza e coerenza), ha trovato particolare riscontro nell'ambito chirurgico specie oculistico e urologico, ma altrettanta efficacia e versatilità gli viene riconosciuta nel trattamento medico non chirurgico e fisioterapico, particolarmente in quello antalgico.

Applicato con la dovuta competenza e perizia da personale preparato, si pone come valido strumento per l'affronto di patologie dolorose a prevalente manifestazione locale, con dolore di tipo nocicettivo (post-traumatico, infiammatorio, da ischemia cronica locale) a carico, soprattutto, dell'apparato locomotore e di tipo neuropatico. E' particolarmente utile inserirlo nei programmi riabilitativi per la sua azione decontratturante e antinfiammatoria.

Il raggio laser entra nei tessuti e provoca una risposta biochimica sulla membrana cellulare e all’interno dei mitocondri. Fra gli effetti positivi sono da segnalare la vasodilatazione (con conseguente aumento della temperatura della zona interessata, aumento del metabolismo, stimolazione neurovegetativa e modifica della pressione idrostatica intercapillare), l’aumento del drenaggio linfatico e l’attivazione del microcircolo.

Tutto questo aiuta la velocità e il corretto recupero delle funzioni attraverso effetti antidolorifici, ma anche antinfiammatori e antiedemigeni.

Pur trovandoci di fronte ad una delle tecniche a maggior indice di sicurezza e affidabilità, è bene porre, in misura prudenziale ed a valutazione individuale, delle condizioni in cui va valutata l'opportunità di astenersi da un irraggiamento laser:

1. soggetti portatori di pace-maker

2. l'irraggiamento addominale, pelvico e in zona lombo-sacrale di pazienti in stato di gravidanza incerta, iniziale e avanzata (controindicazione assoluta);

3. neoplasie;

4. irraggiamento della tiroide;

5. emorragie;

6. terapie immuno-soppressive;

7. nei cutanei e lesioni sospette;

8. trattamenti sopra i gangli simpatici, sul nervo vago e sulla regione cardiaca in pazienti con malattie cardiache.

In tutte le situazioni, inoltre, va accuratamente evitato di indirizzare il raggio laser, direttamente o per incidenza angolata, in zona oculare per la possibile insorgenza di lesioni retiniche, tanto nel paziente quanto nell'operatore, rischio generico che è facilmente ovviabile con l'uso degli speciali occhiali protettivi, normalmente in dotazione ad ogni singolo apparecchio.


Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X