MENU

Chirurgia e fisioterapia - le frontiere della ricerca contro la paraplegia

Valuta questo articolo

Secondo un nuovo studio dell'Università di Louisville, quattro paraplegici hanno ritrovato un barlume dii speranza. La paraplegia è la completa paralisi degli arti inferiori a causa di danni o lesioni al midollo spinale. Il team di ricercatori ha pubblicato la sua storia di successo in uno studio sull'ultimo numero del New England Journal of Medicine

Ai quattro pazienti è stato impiantato chirurgicamente un dispositivo sul midollo spinale, il cui scopo è la stimolazione  dell'attività elettrica. Dopo l'operazione tutti e quattro i pazienti sono stati sottoposti a mesi di regolare fisioterapia. Alla fine dello studio i ricercatori hanno notato che due dei quattro pazienti potevano fare alcuni passi limitati dopo la terapia e gli altri due potevano camminare autonomamente. Questo nuovo dispositivo è prodotto da Medtronic. Lo studio è stato supportato dall'Università di Louisville Hospital.

Un altro caso clinico è stato pubblicato di recente sulla rivista Nature Medicine. Anche questa volta il successo della ricerca è dipeso dal lavoro congiunto di un dispositivo di stimolazione elettrica e fisioterapia intensiva. Gli esperti hanno comunque sottolineato che tali studi sono stati condotti su una manciata di pazienti e che le cause della paraplegia possono diversificarsi da persona a persona, così come le lesioni spinali. Suggeriscono, dunque, studi più approfonditi e ampliati per stabilire l'effettiva efficacia di questo dispositivo.

Questa tecnica è stata sperimentata dal team guidato da Susan Harkema, direttore scientifico associato del Kentucky Mid Spinal Cord Injury Research Center presso l'Università di Louisville. Il dispositivo è stato impiantato sotto il sito della lesione; ci sono stati studi che hanno lavorato sulla ricrescita delle cellule della colonna vertebrale e questo nuovo dispositivo funziona con la stimolazione elettrica: è uno spostamento di obiettivi che sta avvenendo in maniera graduale.

Kendall Lee, un neurochirurgo della Mayo Clinic, ha dichiarato: "Il punto importante è che questa tecnologia può essere in grado di restituire il controllo funzionale, rende possibile stare in piedi e muovere passi in maniera indipendente. Quindi dà davvero speranza alle persone che devono convivere con una paralisi".

I ricercatori sperano che il dispositivo venga migliorato in futuro in modo da risultare sempre più efficace. I pazienti coinvolti in questi studi avevano tra i 20 e i 30 anni e le loro lesioni risalivano a due o tre anni prima del trattamento.

Studi più ampi su pazienti più anziani e lesioni più vecchie forniranno agli esperti informazioni cruciali sulla reale efficacia del dispositivo.

HAI BISOGNO DI AIUTO?
Compila il nostro questionario senza impegno e sarai ricontattato dai nostri esperti per fornirti tutte le informazioni necessarie.

Commenti

Per poter commentare occorre registrarsi

Registrati ora Sei già registrato? Accedi

Potrebbe interessarti...
Fisioterapia a Roma Tutto sui crampi notturni alle gambe
TUTTO SUI CRAMPI NOTTURNI ALLE GAMBE

In questo articolo indagheremo sulle cause, i sintomi e itrattamenti dei crampi notturni alle gambe

Leggi di più
Fisioterapia a Roma le peggiori 20 condizioni dolorose stimate da NHS
LE PEGGIORI 20 CONDIZIONI DOLOROSE STIMATE DA NHS

NHS ha elencato le 20 condizioni più dolorose che possono portare a una grave debilitazione tal

Leggi di più
Fisioterapia a Roma I dolori dell'automobilista - consigli per una posizione di guida corretta
I DOLORI DELL'AUTOMOBILISTA - CONSIGLI PER UNA POSIZIONE DI GUIDA CORRETTA

Una posizione di guida sbagliata può causare dolori che necessitano di intervento fisioterapico; ricerca della BCA e Citroen. Consigli utili per posizione una guida corretta.

Leggi di più