MENU

Esercizi per rafforzare il perineo - migliorerebbero anche piacere sessuale

Sono passati circa due mesi dall'ultimo San Valentino 2018, ma la campagna lanciata dai fisioterapisti britannici proprio in occasione della celebrazione del santo patrono degli innamorati, cavalca l'onda lunga del buon consiglio che non conosce scadenza: incoraggiare le persone a eseguire esercizi di fisioterapia per irrigidire il proprio pavimento pelvico (detto anche perineo, è quella parte del corpo che chiude inferiormente il nostro bacino; è costituito da muscoli, fasce e legamenti che, come un’amaca, sostengono gli organi contenuti nella pelvi come vescica, utero e retto).

Fisioterapisti, ostetrici e ginecologici dell'ospedale POGP hanno rilanciato la loro campagna annuale Pucker up your pelvic floor lo scorso 14 febbraio, sfruttando l'occasione per sottolineare che questi esercizi non solo aiutano con i problemi alla vescica, ma anche con la funzione sessuale.

Parlando a Frontline, la portavoce POGP Amanda Savage ha spiegato:

Il piacere sessuale deriva dal movimento e dall'accumulo di attrito contro la parete vaginale, la quale è stratificata con i muscoli del pavimento pelvico. Gli esercizi muscolari del pavimento pelvico tonificano e rinforzano questi muscoli, migliorando l'afflusso di sangue e l'attività dei nervi, il che porta a un piacere maggiore.

Molte persone sono già consapevoli dell'importanza di rinforzare i muscoli di Kegel - quelli usati per fermare l'urina a metà del flusso - al fine di tonificare il pavimento pelvico, ma la campagna evidenzia anche l'importanza di praticare la contrazione dei muscoli attorno allo sfintere anale.

Gli studi hanno dimostrato che fare questo può aiutare a riunire le pareti vaginali per le donne, mentre può anche aiutare gli uomini a sostenere l'erezione.

Inoltre, la campagna sottolinea l'importanza di rilassare i muscoli dopo ogni contrazione e suggerisce di adattare questi esercizi mentre si svolgono altre attività, come, a esempio, lavarsi i denti.

Gli esperti raccomandano di stringere questi muscoli da dieci a quindici volte di seguito, almeno una volta al giorno; ogni contrazione deve essere breve e vigorosa. Anche saper variare la durata delle contrazioni è importante: i fisiologi suggeriscono di provare a mantenere una compressione anche per cinque-dieci secondi, continuando a respirare normalmente.

Poiché sono discreti e non richiedono attrezzature speciali, non c'è motivo per cui le persone non eseguano regolarmente esercizi di rafforzamento del pavimento pelvico, ma devono essere rese più consapevoli della loro importanza, che è ciò che la campagna intende fare.

Commenti

Per poter commentare occorre registrarsi

Registrati ora Sei già registrato? Accedi

  • Bruno 21/11/2018
    Grazie