MENU

L'attività fisica può migliorare la salute mentale degli adolescenti

È noto da tempo che i livelli di attività fisica dei bambini diminuisce col passare del tempo e questo sembra accadere più spesso negli ultimi anni. Anche il numero di adolescenti con depressione è aumentato.

I ricercatori hanno monitorato i livelli di attività di 4.257 adolescenti di età compresa tra 12, 14 e 16 anni, quindi li hanno testati per i sintomi della depressione all'età di 18 anni. Durante lo studio i livelli medi di attività fisica 'leggera', come la camminata lenta, erano diminuiti. Il tempo trascorso seduti o sdraiati, al contrario, aumentato. Più tempo trascorso a svolgere attività fisica, tra i 12 ei 16 anni, faceva riscontrare punteggi di depressione più bassi a 18 anni, mentre il tempo trascorso a essere inattivi faceva crescere il punteggio di depressione.

 I ricercatori affermano che potrebbe essere più facile per gli adolescenti fare più attività leggere, piuttosto che aumentarne l'intensità (da moderata a vigorosa): a supporto di ciò i dati indicano che anche le riduzioni più piccole dei punteggi della depressione potrebbero avere un impatto importante sulla salute mentale di alcuni giovani.

Da dove viene questa ricerca?

I ricercatori che hanno effettuato lo studio provenivano dalla University College di Londra e dal King's College di Londra. Lo studio è stato finanziato dal Medical Research Council, dal Wellcome Trust e dall' Università di Bristol. È stato pubblicato nella rivista medica peer-review Lancet Psychiatry, ed è liberamente consultabile al seguente link:

https://www.thelancet.com/journals/lanpsy/article/PIIS2215-0366(20)30034-1/fulltext .

Che tipo di ricerca era?

Questo è stato uno 'studio di coorte'. Gli studi di coorte, come altri studi osservazionali, sono buoni modi per esaminare i collegamenti tra i fattori di rischio (come i livelli di attività fisica) e gli esiti (come i sintomi della depressione). Ma non possono dimostrare che l'uno sia causa diretta dell'altro. Altri fattori potrebbero inficiare e alterare i risultati.

Cosa ha comportato la ricerca?

I ricercatori di Bristol hanno reclutato donne in gravidanza nel 1991 per prendere parte a uno studio di lunga durata (Avon Longitudinal Study of Parents and Children). I bambini nati a seguito di tali gravidanze sono stati seguiti regolarmente con controlli sanitari e questionari.

In questo studio, i ricercatori hanno esaminato l'attività fisica di gruppi di adolescenti servendosi di un dispositivo chiamato accelerometro: all'età di 12 anni (2.486 adolescenti), 14 anni (1.938 adolescenti) e 16 anni (1.220 adolescenti). La gran parte di questi ragazzi (4.257 adolescenti) sono stati successivamente testati per i sintomi della depressione a 18 anni, utilizzando la valutazione computerizzata del punteggio della depressione CIS-R.

Hanno analizzato i risultati collegando i punteggi dei sintomi della depressione con:

  • attività fisica totale all'età di 12, 14 o 16 anni
  • tempo sedentario (tempo trascorso seduto o sdraiato)
  • attività leggera (come camminare lentamente)
  • attività da moderata a vigorosa (come corsa o sport)
  • fattori tra cui sesso, origine etnica, classe sociale, segni di depressione all'età di 12 anni, QI, storie di gravi malattia mentali in famiglia e livello di educazione parentale. Hanno anche regolato le cifre per la quantità di tempo in cui gli adolescenti hanno indossato l'accelerometro.

Quali sono stati i risultati di base?

I ricercatori hanno scoperto che gli adolescenti trascorrevano circa un'ora e mezza (93 minuti) in più ogni giorno seduti, fermi o sdraiati all'età di 16 anni rispetto a quando ne avevano 12. Trascorrevano un'ora e 20 minuti (81 minuti) in meno ogni giorno facendo attività fisica leggera all'età di 16 anni rispetto ai 12. Il tempo trascorso a svolgere un'attività fisica, da moderata a vigoros, è rimasto pressoché invariato, sebbene fosse a un livello basso (circa 20 minuti) sin dall'inizio.

Circa il 17% -18% degli adolescenti ha avuto punteggi che potrebbero indicare depressione a 18 anni.

Quando i ricercatori hanno guardato il tempo trascorso seduti o sdraiati, hanno scoperto che gli adolescenti che trascorrevano più tempo seduti avevano punteggi più alti di depressione, mentre gli adolescenti che trascorrevano più tempo a svolgere attività leggere avevano punteggi più bassi:

ogni ora aggiuntiva al giorno trascorsa a rimanere fermo da 12 a 16 anni era collegata a un aumento dell'11% -8% nel punteggio dei sintomi della depressione all'età di 18 anni.
Ogni ora aggiuntiva al giorno trascorsa facendo attività leggera tra i 12 ei 16 anni era collegata a una riduzione dell'11% -8% nel punteggio dei sintomi della depressione a 18 anni. I livelli di attività fisica da moderati a vigorosi degli adolescenti non sembravano fortemente collegati ai punteggi della depressione. Ciò potrebbe dipendere dal fatto che troppi di loro stavano facendo un'attività fisica da moderata a vigorosa sufficiente per fare una buona impressione sui risultati.

 Trascorrere più tempo, nel complesso, a svolgere attività fisica era anche collegato a punteggi di depressione più bassi.

In che modo i ricercatori hanno interpretato i risultati?

I ricercatori hanno dichiarato che "l'attività leggera, nei giovani, merita una considerazione più diretta e specifica nelle linee guida sull'attività fisica e negli interventi di salute pubblica volti a ridurre lil rischio di depressione". Hanno chiesto alle scuole di incoraggiare "lezioni permanenti, aumentare il tempo di viaggio attivo tra le lezioni, o promuovere hobby anche leggermente attivi, come suonare uno strumento e dipingere".

Conclusioni

Il legame tra attività fisica e salute mentale è oggetto di studio da tempo. Ma questo è il primo studio che ha esaminato l'attività misurata dall'accelerometro negli adolescenti e il legame con la salute mentale.

L'attività fisica, che si tratti di svolgere le faccende domestiche, o di allenarsi per correre una maratona, si è costantemente dimostrata vantaggiosa per la salute psico-fisica dei ragazzi. Uno studio che dimostra che anche un'attività leggera può giovare alla salute mentale dell'adolescente è quindi il benvenuto.

Tuttavia, ci sono alcune limitazioni allo studio. L'attività fisica e la salute mentale possono essere collegate ad altri fattori, come l'ambiente in cui vivono i bambini, la loro salute fisica, il supporto sociale e la quantità di tempo che trascorrono utilizzando uno schermo. A esempio, un bambino che non ha uno spazio sicuro per essere attivo all'aperto potrebbe avere maggiori probabilità di trascorrere molto tempo al chiuso, seduto o sdraiato, sviluppando una salute mentale peggiore. È difficile dire quale di questi fattori sia più importante.

Gli adolescenti nello studio tendevano anche ad abbandonare il monitoraggio dell'attività fisica man mano che lo studio procedeva, il che significa che c'erano più registrazioni di attività all'età di 12 anni che all'età di 16 anni. Ciò potrebbe spiegare perché i legami tra i punteggi della depressione e i livelli di attività all'età di 12 anni sembrano più forti rispetto ai 16. C'erano solo 1.220 registrazioni di attività all'età di 16 anni, rispetto ai 2.486 iniziali.

Nonostante i limiti dello studio, il messaggio che gli adolescenti dovrebbero essere incoraggiati ad essere più attivi per il bene della loro salute mentale è importante. I sintomi della depressione emergono spesso per la prima volta durante l'adolescenza. Gli sforzi per fermare e invertire la crescente inattività di bambini e giovani potrebbero avere effetti importanti sulla futura salute mentale.

HAI BISOGNO DI AIUTO?
Compila il questionario per richiedere una valutazione gratuita presso il nostro centro di Roma (zona Casilina/Borghesiana).
Valuta questo articolo

Commenti

Per poter commentare occorre registrarsi

Registrati ora Sei già registrato? Accedi

Potrebbe interessarti...
Fisioterapia a Roma L'importanza dello stretching - 7 esercizi per la coscia
L'importanza dello stretching - 7 esercizi per la coscia

7 allungamenti per il bicipite femorale, come praticarli e i benefici che se ne possono trarre.

Fisioterapia a Roma Dolori mandibolari - esercizi per contrastare la sindrome dell'ATM
Dolori mandibolari - esercizi per contrastare la sindrome dell'ATM

Analisi delle cause dei dolori mandibolari (sindrome dell'ATM). Esercizi per alleviare il dolore

Fisioterapia a Roma Mente e fisioterapia per curare il dolore alla spalla
Mente e fisioterapia per curare il dolore alla spalla

Le probabilità che un trattamento fisioterapico abbia un esito positivo aumentano quando il paziente ha un atteggiamento mentale positivo rispetto alla terapia