MENU

Nuove scoperte sul processo di un evento doloroso nel cervello

Valuta questo articolo

C'eravamo occupati qualche mese fa di percezione del dolore, citando 'le venti peggiori condizioni stimate da NHS (ovvero il sistema sanitario nazionale del Regno Unito). Torniamo oggi sull'argomento, ma da un punto di vista diverso, prendendo spunto dai recentissimi risultati di un team di ricerca tedesco, guidato dal Dr. Markus Ploter.

Il dolore è una sensazione negativa di cui vogliamo sbarazzarci il prima possibile. Per proteggere i nostri corpi, reagiamo ad esempio ritirando la mano. Questa azione è solitamente intesa come la conseguenza della percezione del dolore. Una squadra della Technical University of Munich (TUM) ha ora dimostrato che la percezione, l'impulso ad agire e la fornitura di energia per farlo, avvengono simultaneamente nel cervello e non, come si pensava, uno dopo l'altro.
Sotto la guida di Markus Ploner, professore di Heisenberg per la ricerca sul dolore umano, gli scienziati del dipartimento di neurologia dell'ospedale universitario TUM Klinikum rechts der Isar, hanno studiato in dettaglio come un evento doloroso viene elaborato nel cervello.

Per la prima volta sono stati in grado di dimostrare che il cervello produce almeno tre diverse risposte a uno stimolo doloroso e che queste risposte sono simultanee e indipendenti l'una dall'altra. I risultati possono avere ripercussioni fondamentali per la comprensione del dolore e del trattamento dei pazienti con dolore.
Il dolore comprende almeno tre fattori: percezione del dolore, un'azione come il ritiro della mano da una stufa calda, è una risposta del sistema nervoso autonomo il quale fornisce l'energia necessaria per l'azione. Il sistema nervoso autonomo controlla le funzioni essenziali come la frequenza cardiaca, la respirazione, la digestione e il metabolismo.

 

Combinazione di misurazioni comportamentali ed EEG

Nei loro esperimenti, i ricercatori hanno applicato brevi stimoli al dolore di vari punti di forza sul dorso della mano di soggetti volontari in buona salute. La percezione del dolore è stata determinata sulla base della valutazione dei partecipanti dello stimolo su una scala di valutazione. Il team, guidato da Markus Ploner, ha studiato la componente di azione in base al tempo di reazione dei soggetti necessari per ritirare le dita in risposta allo stimolo. Inoltre, per determinare la risposta del sistema nervoso autonomo, il team ha misurato la produzione di sudore sulla superficie interna della mano.
Per l'intera durata dell'esperimento, l'attività cerebrale è stata misurata utilizzando l'elettroencefalogramma (EEG). Questo metodo fornisce informazioni molto precise su quando e come le cellule nervose reagiscono agli stimoli del dolore.


I componenti del dolore sorgono indipendentemente l'uno dall'altro

Ploner e il suo team hanno applicato un metodo statistico noto come analisi della mediazione dei dati. Il metodo si è ben consolidato nelle scienze sociali da qualche tempo; tuttavia, questa era la sua prima applicazione ai dati EEG. Il team è stato quindi in grado di scoprire quali risposte del cervello servono ai tre componenti del dolore e quando si verificano esattamente.

I risultati delle valutazioni hanno sorpreso i ricercatori: "Per la prima volta siamo stati in grado di vedere che le risposte del cervello alle componenti del dolore non si sono verificate una dopo l'altra, ma piuttosto simultaneamente. Ciò significa che la preparazione per l'azione e la fornitura di energia non dipende interamente dalla percezione del dolore, ma sono in parte attivate indipendentemente l'una dall'altra ", spiega Laura Tiemann, autrice principale dello studio.

 

Terapia del dolore completa per pazienti con dolore cronico

Sebbene all'inizio piuttosto astratte, queste scoperte potrebbero essere di grande importanza per i pazienti che soffrono di dolore cronico. Ploner consiglia di considerare tutte e tre le componenti del dolore nella terapia del dolore globale: "Per i pazienti con dolore cronico, è possibile che non solo la percezione del dolore, ma anche la preparazione e l'esecuzione di azioni contro il dolore e la fornitura di energia per farlo siano cambiate. Le nostre scoperte sono quindi un argomento biologico per approcci di terapia del dolore olistico che prendono in considerazione diverse componenti del dolore, tra cui la psicoterapia, la terapia farmacologica e la fisioterapia ", afferma Ploner. Questo tipo di terapia, denominata terapia multimodale del dolore, è già stata offerta presso il TUM Interdisciplinary Center for Pain Medicine.

Commenti

Per poter commentare occorre registrarsi

Registrati ora Sei già registrato? Accedi