MENU

Paralizzato cammina grazie alle cellule staminali

I ricercatori hanno pubblicato i risultati del loro lavoro sulla terapia con cellule staminali in caso di lesioni del midollo spinale; i risultati sono stati pubblicati nell'ultimo numero della rivista Mayo Clinic Proceedings durante l'ultima settimana di novembre 2019. Il titolo della ricerca è: Celltop Clinical Trial: First Report From a Fase I Trial of Autologous Derivated Adipose Derivated Mesipymal Cell Cells in the Treatment of Paralysis causa to Traumatic Spinal Midjury.

La fase 1

“Questa è stata, essenzialmente, una sorta di 'fase 1' per verificare la sicurezza della procedura”, ha affermato Mohamad Bydon, neurochirurgo della Mayo Clinic e autore principale dello studio. Il team ha utilizzato il trattamento con cellule staminali mesenchimali per un paziente, avvertendo, al contempo, che non tutti i pazienti potranno raggiungere i medesimi esiti positivi. Il Dr. Bydon ha spiegato che: “mentre in questo caso, il paziente era un super-risponditore, altri soggetti potrebbero rispondere al trattamento in modi diversi. Non comprendiamo ancora tutta la biologia necessaria per raggiungere il recupero neurologico negli individui paralizzati. Uno dei nostri obiettivi, in ​​questo studio e per quelli che verranno, è proprio quello di delineare meglio chi sarà un rispondente e perché i pazienti rispondono in modo diverso".

Le cellule staminali

Il team ha scritto che ogni anno oltre 17000 persone negli Stati Uniti soffrono di lesioni traumatiche al midollo spinale e il carico delle lesioni complessive coinvolge, annualmente, 291.000 persone. Queste lesioni rappresentano quindi un grave onere socioeconomico e costano al sistema sanitario oltre 40 miliardi di dollari, compresa la perdita come forza lavoro. La medicina rigenerativa che utilizza le cellule staminali è stata una strada esplorata negli ultimi anni per cercare risposte alla paralisi causata da lesioni del midollo spinale. Il team ha scritto che il "tessuto adiposo rappresenta una fonte facilmente accessibile e praticabile di MSC. Le prove disponibili hanno dimostrato che le MSC derivate dal tessuto adiposo (AD) possono regolare le risposte infiammatorie e fornire un ambiente permissivo alla rigenerazione nei modelli animali di SIC. "

Questo studio, ha scritto il team, è stato pianificato con 10 pazienti che sono stati paralizzati a causa di una lesione traumatica del midollo spinale. La terapia con cellule staminali mesenchimali è stata provata sui soggetti e uno di essi ha mostrato benefici motori e sensoriali dalla terapia senza subire effetti collaterali.

Il paziente

Il paziente cinquantatreenne Chris Barr, ha dichiarato di non aver mai sperato di riguadagnare funzioni motorie o sensoriali dopo il suo incidente di surf. Nella sua recente intervista ai media ha detto: "La prognosi era negativa ... una probabilità dal 95 al 97 percento di non avere niente sotto il collo." La sua ferita era etichettata come American Spinal Injury Association Impairment Scale grade A.

In questa procedura, per cui è stato il primo ad iscriversi, ha subito una terapia con cellule staminali che non era mai stata provata prima. Le cellule staminali sono state prelevate dal suo stesso corpo e successivamente spinte, in laboratorio, a trasformarsi in cellule della colonna vertebrale. Queste cellule staminali sono state prelevate dai tessuti adiposi. Gli autori hanno scritto che "100 milioni di AD-MSC autologhi" sono stati poi iniettati nel suo midollo spinale a livello della colonna lombare. Ciò è stato fatto 11 mesi dopo la lesione spinale subita da Barr. Con la fisioterapia regolare dopo il trattamento, Barr ha riacquistato i sensi negli arti inferiori e può camminare con i propri piedi, spiegano i ricercatori. I pazienti sono stati testati per eventuali effetti collaterali a 3, 6, 12 e 18 mesi dopo l'iniezione delle cellule staminali nella colonna vertebrale.

Conclusioni

Gli autori hanno scritto in conclusione: "Pertanto, in questo individuo trattato con SCI, la somministrazione intratecale di AD-MSC era fattibile e sicura e ha mostrato segnali significativi di uno stato neurologico migliorato, piuttosto che stabilizzato, che giustificava un'ulteriore valutazione clinica".

Secondo il dott. Bydon, nonostante non tutti possano rispondere in modo simile, questo studio dona speranza alle centinaia di migliaia di persone che ogni anno soffrono di lesioni traumatiche al midollo spinale e rimangono paralizzate per la vita. Bydon ha dichiarato: “La speranza è che nei prossimi anni avremo nuovi trattamenti per le lesioni del midollo spinale che saranno diversi da quelli che abbiamo oggi. Queste saranno terapie che non si basano su cure di supporto, ma terapie che si basano sulla scienza per creare un processo rigenerativo per il midollo spinale. "

HAI BISOGNO DI AIUTO?
Compila il questionario per richiedere una valutazione gratuita presso il nostro centro di Roma (zona Casilina/Borghesiana).
Valuta questo articolo

Commenti

Per poter commentare occorre registrarsi

Registrati ora Sei già registrato? Accedi

Potrebbe interessarti...
Fisioterapia a Roma Terapia a inversione - analisi dei rischi e dei possibili benefici
Terapia a inversione - analisi dei rischi e dei possibili benefici

come funziona la 'terapia a inversione', possibili benefici e rischi di questo trattamento

Fisioterapia a Roma Tendinite al ginocchio - cause sintomi e trattamento
Tendinite al ginocchio - cause sintomi e trattamento

Cos'è la tendinite al ginocchio? Scopriamo le cause i sintomi e i trattamenti per ridurre dolore e rischio di cronicità

Fisioterapia a Roma Camminare per dimagrire - seconda parte
Camminare per dimagrire - seconda parte

Analisi, consigli, esercizi e altro ancora: tutto ciò che c'è da sapere quando decidiamo di camminare per perdere peso