MENU

Frattura dello scafoide

Cos'è lo scafoide e cause della frattura

Lo scafoide è una delle ossa carpali della mano che si trova tra il pollice e il radio vicino alla zona del polso; svolge un ruolo cruciale nella stabilità e nella flessibilità del polso durante le attività quotidiane. La frattura dello scafoide è fra le più frequenti tra quelle delle ossa del carpo, in quanto in caso di forte impatto, questo osso si trova proprio in una posizione in cui convergono numerose forze esterne. 

La frattura avviene a causa di traumi diretti o indiretti al polso. Le cadute sul palmo della mano in estensione sono spesso la causa principale di questa lesione, a causa del peso del corpo che si trasmette appunto sul palmo. Altre cause includono incidenti sportivi o automobilistici e motociclistici. 

 Sintomi e diagnosi

 I sintomi tipici di una frattura dello scafoide includono:

  • dolore nella regione del polso;
  • difficoltà o impossibilità nel muovere il polso, il pollice o la mano;
  • gonfiore;
  • a volte ematoma;
  • sensibilità al tatto o dolore alla compressione. 

Per confermare la presenza della frattura, il medico procederà prima di tutto con una pressione per determinare la presenza di dolore forte nel punto specifico. Saranno poi di supporto esami diagnostici, come i raggi X e la risonanza magnetica.  

Trattamento e fisioterapia

Nei casi meno gravi, il trattamento non chirurgico, come l'immobilizzazione con un tutore o un gesso per qualche settimana, può essere sufficiente per favorire la guarigione, alla rimozione dei quali è opportuno cominciare un ciclo di fisioterapia. 
In altri casi verrà valutato l'intervento chirurgico con l'inserimento di una piccola vite. 

Una frattura dello scafoide non trattata o trattata in modo inadeguato può portare a gravi complicazioni, come il mal consolidamento della lesione e la mancata produzione del callo osseo (pseudoartrosi) o addirittura la necrosi dell'osso con il rischio di infezioni. Queste complicazioni possono influenzare gravemente la funzionalità del polso e della mano. 

Per quanto riguarda il trattamento fisioterapico, lo specialista valuterà il percorso da intraprendere in base al tipo di frattura. Per ridurre l'edema e l'infiammazione sono utili la Tecarterapia e la massoterapia; per la diminuzione del dolore, la laserterapia; per recuperare la mobilità e la forza del polso, del pollice e della mano, mobilizzazioni ed esercizi.  

Seguire un programma riabilitativo è importantissimo; se hai subito una frattura dello scafoide scegli il nostro centro di fisioterapia a Roma per farti seguire nel tuo percorso di recupero. Chiamaci e fissa un appuntamento per una valutazione gratuita. 

HAI BISOGNO DI AIUTO? Compila il questionario per richiedere
una valutazione gratuita presso il nostro
centro di Roma (zona Casilina).
Valuta questo articolo

Commenti

Per poter commentare occorre registrarsi

Registrati ora Sei già registrato? Accedi

Potrebbe interessarti...
Fisioterapia a Roma Epicondilite o gomito del tennista
Epicondilite o gomito del tennista

Cosa causa il cosiddetto gomito del tennista e come intervenire per curarlo? Contatta il nostro centro di fisioterapia a Roma!

Fisioterapia a Roma Consigli per il lavoro da casa
Consigli per il lavoro da casa

Alcuni consigli pratici per lavorare da casa salvaguardando la nostra salute

Fisioterapia a Roma L'importanza dell'esercizio fisico per gli anziani
L'importanza dell'esercizio fisico per gli anziani

Una nuova ricerca esamina gli effetti dell'esercizio fisico per le persone anziane con malattie cardiache